Le Piante Aromatiche

BASILICO
ERBA CIPOLLINA
LAVANDA
MAGGIORANA
MENTA
MENTUCCIA
ORIGANO
PEPERONCINO
PREZZEMOLO
ROSMARINO
SALVIA
STEVIA REBAUDIANA
TIMO

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

TIMO

Timo

Descrizione

Thymus vulgaris L. Fam. Lamiaceae ( Labiatae) . Il nome deriva dal greco thymos (thymós), che designa in senso generale il coraggio e la vitalità. È un piccolo arbusto spontaneo nell'area mediterranea, appartenente alla famiglia delle labiate. A pieno sviluppo può raggiungere 40 centimetri d'altezza. La pianta assume una forma di cespuglio compatto, composto da tanti piccoli rametti che portano foglie lanceolate di pochi millimetri di lunghezza. La consistenza dei rametti è legnosa e tale da renderli difficilmente asportabili senza l'uso di forbici. Fiorisce nel mese di maggio- giugno, emettendo un gran numero di fiorellini bianchi rosa o lilla riuniti in verticilli. Ama crescere in pieno sole su suoli asciutti, un eccessiva irrigazione determina l'abbassamento dell'aroma. Le sue foglie fortemente odorose contengono oli essenziali che hanno proprietà antibatteriche, digestive, carminative, diuretiche, digestive e balsamiche. In passato oltre che a scopi salutistici era usato anche come essenza aromatizzante bruciandone i rametti durante le funzioni religiose.

Coltivazione

Il timo è una pianta spontanea del Mediterraneo e analogamente al rosmarino e alla salvia si può coltivare nell’orto, in giardino o in vaso senza grandi problemi purchè in pieno sole. Nel caso di coltivazione in contenitore, dato il forte sviluppo del timo si sceglierà di rinvasare le piantine in contenitori sufficientemente ampi e profondi. Il terriccio da impiegare potrà essere costituito dal 70% di terriccio organico e 30% di materiale inerte per favorire lo sgrondo dell’acqua in eccesso. L’irrigazione dovrà essere regolare. Una volta al mese sarà bene apportare una concimazione con fertilizzante ternario solubile sciolto nell’acqua d’irrigazione. Per ottenere piante compatte con germogli sempre freschi e utili ad essere impiegati in cucina, è bene cimare spesso i rami.