Le Piante da Orto

ANGURIA
ASPARAGO
BASILICO
BIETOLA DA COSTE
CARCIOFO
CAVOLI
CETRIOLO
CIPOLLA
FAGIOLO
FINOCCHIO
FRAGOLE
INSALATE
MELANZANA
MELONE
PEPERONE
POMODORO
PORRO
PREZZEMOLO
RADICCHIO
SEDANO
ZUCCHINE E ZUCCHINI

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

PREZZEMOLO

prezzemolo

Il nome latino, Petroselinum sativum, deriva dal greco 'petroselion' che significa "sedano delle pietre". E’ una pianticella erbacea biennale, originaria del Mediterraneo. È usato fin dall’antichità in cucina ma anche per riti magici. La pianta, appartenente alla famiglia delle ombrellifere, emana un gradevole aroma dovuto all’apiolo, una sostanza aromatica che si conserva solo nella pianta fresca, scompare se le foglie vengono essiccate. Nella medicina tradizionale sembra sia utile a calmare il dolore, ed ad arginare piccole emorragie. In cucina il suo uso è legato alla capacità di esaltare il gusto di altri ingredienti come l’aglio, il pomodoro, il burro, il pesce o l’olio extravergine di oliva. Il prezzemolo nel nostro Paese è alla base di numerose salse quali il “bagnet verd" composto da aglio, rosso d'uovo, mollica di pane bagnata nell'aceto, filetti d'acciuga e prezzemolo. Lo "zimino", tipico della Liguria e della Toscana, che è realizzato con olio o burro, prezzemolo, aglio, spinaci, bietole, sale e pepe. La "zogghiu", salsa tipicamente siciliana composta da aglio, menta e prezzemolo olio e aceto.

COLTIVAZIONE

E’ una pianta che predilige i luoghi freschi e ha la capacità di ricacciare per tutto l’anno. Ha anche una buona resistenza al freddo. Per la sua coltivazione non sono necessari molti accorgimenti se non quello di una costante irrigazione. Alla preparazione del terreno sarà sufficiente un apporto di 2-3 kg mq di compost organico. Durante la coltivazione è bene tagliare periodicamente tutta la vegetazione per rinnovare le foglioline che risulteranno così sempre tenere e aromatiche.